USB

L’incredibile successo dell’USB è dovuto alla sua flessibilità e comodità, come interfaccia dati e periferica di archiviazione portatile. C’è però un aspetto potenzialmente critico, ed è quello della sicurezza. Questa tecnologia manca dei controlli mirati che i professionisti della security vorrebbero avere da una porta di comunicazione moderna.

Molti responsabili della sicurezza ritengono che la minaccia potenziale rappresentata dai dispositivi USB sia gestibile con la tecnologia di Data Leak Prevention (DLP) per identificare e bloccare la trasmissione di dati sensibili – ma purtroppo, non tutti gli attacchi riguardano semplicemente la perdita di informazioni.

Se hai bisogno di capacità, ma non vuoi rinunciare alle prestazioni, l’SSD Kingston NV1 500GB è ciò che fa per te. Si tratta di un’unità NVMe dalle ottime velocità ideale sia per uso professionale che per il gaming, oggi ad un prezzo molto vicino al minimo storico a soli 54 euro

NV1

La soluzione di Kingston sfrutta il tradizionale formato M.2 2280. Naturalmente, è indispensabile avere l’apposito slot sulla scheda madre, anche se nel caso di computer desktop è possibile sfruttare un adattatore PCIe. La specifica utilizzata, infatti, è quella PCIe 3.0 che garantisce velocità fino a 2100MB/s in lettura e 1700MB/s in scrittura. Si tratta di una periferica apprezzata soprattutto dai possessori di Mini PC che in questo modo posso aumentare lo spazio di archiviazione ottenendo un importante boost prestazionale. Il disco, però, si presta bene per qualsiasi utilizzo, anche quello gaming, riducendo drasticamente i tempi di caricamento. Una soluzione decisamente versatile da questo punto di vista che si adatta a qualsiasi utilizzo.

Il vantaggio principale della soluzione di Kingston è senza dubbio l’efficienza. L’unità ha un consumo energetico ridotto che consente di mantenere temperature piuttosto basse. Questo gli permette di adattarsi perfettamente a ultrabook e sistemi dal formato compatto con la massima affidabilità. La capacità da 500GB consente di memorizzare foto, video, progetti e un elevato numero di documenti per avere tutto sempre a portata di mano. Con velocità circa 4 volte superiori ai tradizionali SSD SATA III e fino a 35 volte superiori agli hard disk magnetici a 7200RPM, rappresenta una soluzione perfetta per i professionisti.

Link al dispositivo:
Kingston NV1 500GB https://amzn.to/3gAtZw2

 

smartworking1

Lo smart working è ormai entrato a far parte (per forza di cose) delle nostre vite. E mentre il mondo lottava contro la pandemia, l'invisibile guerra alla cyber-criminalità cresceva ad un livello allarmante. Sempre più lavoratori e aziende hanno subito attacchi informatici con una frequenza maggiore: parliamo di un attacco ogni 10 secondi, in media. Molte di queste minacce possono fortunatamente essere evitate seguendo dei semplici consigli di sicurezza, sebbene la protezione definitiva la si possa ottenere solamente utilizzando una VPN.

Cinque consigli per proteggersi durante lo smart working

Per aiutarti a non cadere vittima di cyber attacchi, ecco cinque suggerimenti per gestire al meglio ed in completa sicurezza il lavoro da remoto.

1. Separare i dispositivi personali da quelli ad uso professionale

Quando si lavora da casa, è facile confondere e mischiare il mondo del lavoro con la propria sfera privata. Una soluzione per scindere questi due aspetti è possedere dispositivi separati, come ad esempio un computer o un cellulare aziendali. Questa decisione è anche la più sicura in termini di sicurezza, dal momento che un device di lavoro difficilmente avrà al suo interno i nostri dati sensibili.

2. Cambia spesso le tue password (e rendile più forti)

Se sei quel tipo di utente che crede che le password siano una sorta di entità inviolabile, dovrai ricrederti. È stato infatti recentemente reso noto che le password di lunghezza inferiore a dieci caratteri hanno un'ottima probabilità di essere violate in meno di un'ora. Non è un mistero che le chiavi di accesso hackerate sono uno dei punti di ingresso più comuni quando si parla di attacchi informatici. Il consiglio è quello di creare password forti, magari con simboli e numeri, che non richiamino in alcun modo la nostra sfera personale (aboliti nomi e date di compleanno) e soprattutto che siano tutte diverse fra loro. L'ideale sarebbe avere una password diversa per ogni account.

3. Usa l'autenticazione a due fattori

L'autenticazione a due fattori utilizza un sistema – appunto – a due “fattori”: oltre alla password, dunque, per completare l'accesso ci sarà bisogno di un ulteriore passaggio, come un codice ricevuto sul telefonino oppure via mail. È una salvaguardia in più per i nostri account, specialmente quelli più importanti come un conto in banca. Lo stesso metodo può essere applicato per tutto ciò che riguarda il mondo del lavoro, ad esempio per l'accesso al nostro indirizzo e-mail, così da ridurre al minimo i rischi di violazioni indesiderate.

4. Evita di cliccare link poco sicuri

La tecnica del phishing è ormai nota alla stra grande maggioranza della popolazione che naviga il web e tutti sappiamo che non dovremmo cliccare su e-mail, banner o link che ci sembrano sospetti. Esistono però altre forme di phishing, chiamate smishing e vishing, aumentate in maniera esponenziale fra il 2020 e il 2021. Lo smishing è quando ricevi un SMS che include un collegamento potenzialmente pericoloso, spacciandosi per un'istituzione nota – ad esempio le Poste o la banca. Il vishing, invece, si verifica quando i malintenzionati chiamano direttamente il telefono della vittima, fingendosi rappresentanti di un'azienda o di una persona cara e chiedendo informazioni personali e private. La regola base la conosciamo tutti: mai dare i nostri dati sensibili. A nessuno.

5. Usa una VPN

Quando sei in ufficio, la tua azienda ha sicuramente attivato un programma di protezione da hacker e virus per i suoi dipendenti. E quando lavori in smart working da casa o in un bar? La risposta si chiama VPN e si tratta di una sorta di rete virtuale privata che garantisce privacy e anonimato quando navighi nel web grazie ad un canale riservato e criptato che prende il nome di tunnel VPN.

Per avere maggiori informazioni e per consulenza specifica su tutti gli aspetti appena citati non esitare a contattarmi

ffp2

Gennaio sarà un mese estremamente lungo e intenso..... a suggerirlo è l'aumento dei contagi in Italia e la forte corsa ai tamponi che si sta vivendo in tutto il Paese.

L'introduzione delle mascherine FFP2 come nuovo obbligo al chiuso, e grazie ad una aumentata sensibilità nei confronti della maggior protezione che questo tipo di mascherine offre, le FFP2 hanno iniziato a scomparire dagli scaffali e anche online iniziano a scarseggiare.
Le ho cercate su alcuni dei siti più frequentati per l'acquisto di strumenti di protezione personale di questo tipo e la risultanza è sempre la stessa: "gli sconti sono scomparsi e le scorte sono ai minimi termini...."

Ho così cercato su Amazon quali siano le opzioni più convenienti, così da poter offrire una alternativa al minimo costo per quanti in queste ore stanno cercando di fare incetta di DPI da poter utilizzare nelle settimane a venire.

Si tratta di mascherine con certificazione CE, immediatamente disponibili e di buona fattura (comprendono anche il laccetto per ridurre la tensione sulle orecchie e legarle dietro la testa)
Personalmente ho scartato quelle a prezzo superiore e quelle con invio non assicurato nell'immediato, nonché quelle sulle quali (per provenienza o prezzo eccessivamente basso) nutriamo qualche dubbio di troppo sulle certificazioni.
I prezzi sono generalmente in crescita su tutti gli store...affrettatevi

Link:
Mascherina FFP2 10pz: https://amzn.to/3FdKTL4
Mascherina FFP2 25pz: https://amzn.to/3f6rxg2

Nessun allarme!!!
Non volevo dimenticarmi di augurare a tutti (speriamo) un buon 2022!

auguri anno 2022