privacy

OpenAI ha accettato di adeguarsi alla normativa europea sulla privacy e di rispondere alle richieste dell'autorità italiana sulla rettifica dei dati personali.

Chat GPT è tornata operativa in Italia in questi giorni, OpenAI, la società proprietaria del chatbot, ha infatti accettato di adeguarsi alla normativa europea sulla privacy e di adempiere quindi alle richieste del Garante italiano, tra cui quella di offire possibilità per gli interessati, anche non utenti, di ottenere la rettifica dei dati personali generati in modo inesatto dal servizio o la cancellazione degli stessi. 

Già la settimana scorsa, OpenAI aveva consentito a tutti gli utenti mondiali di escludere le proprie conversazioni dal training dell'algoritmo. Adesso Chat GPT dovrà anche consentire agli interessati non utenti di esercitare in modo semplice e accessibile il diritto di opposizione rispetto al trattamento dei dati personali personali utilizzati per l'esercizio degli algoritmi e riconoscere analogo diritto agli utenti, qualora individui il legittimo interesse quale base giuridica del trattamento. OpenAI dovrà anche fare una campagna pubblicitaria affinché tutti, anche i non utenti, sappiano di potere essere esclusi dal chatbot.

chat GPT banner

Con la decisione del Garante per la protezione dei dati personali (GDPD) di limitare provvisoriamente il trattamento dei dati degli utenti da parte di ChatGPT, e che ha causato la sospensione del servizio, l’Italia potrebbe avere aperto una strada che altri regolatori europei potrebbero seguire.  La Germania potrebbe seguire le orme del regolatore italiano.

Altri Paesi europei starebbero esaminando infatti se sia il caso di adottare misure per fermare la diffusione di chatbot come ChatGPT, soprattutto per capire quale sia la gestione dei dati personali dei cittadini europei da parte di questi servizi di Intelligenza Artificiale utilizzabili su larga scala.

Il Garante e OpenAI si parleranno: Il 30 marzo, il Garante ha disposto con effetto immediato la limitazione provvisoria del trattamento dei dati degli utenti italiani nei confronti di OpenAI, che ha sviluppato e gestisce il chatbot ChatGPT.

Il motivo del procedimento è stato spiegato con la mancanza da parte di OpenAI di una base giuridica per la raccolta di dati personali e l’assenza di una verifica dell’età dei possibili utenti minorenni di ChatGPT.

Sebbene siano stati dati venti giorni di tempo a OpenAI per comunicare quali iniziative saranno intraprese per l’attuazione di quanto prescritto dal provvedimento e per fornire spiegazioni che giustifichino le violazioni ravvisate, il Garante ha stabilito che la limitazione del trattamento dei dati personali italiani avesse effetto immediato: quindi OpenAI ha sospeso ChatGPT in Italia.

OpenAI ha inviato una lettera al Garante il 3 aprile per esprimere la propria disponibilità immediata a collaborare con l’Autorità italiana al fine di rispettare la disciplina privacy europea. Mentre nei giorni a venire, è atteso un incontro in videoconferenza tra il Garante e alcuni rappresentati di OpenAI con lo scopo di facilitare il raggiungimento di una soluzione condivisa in grado di risolvere le criticità sollevate dal regolatore.

La Germania tentata dalla soluzione italiana: Secondo Reuters, le autorità di regolamentazione della privacy di Francia e Irlanda hanno contattato il Garante italiano per saperne di più sulla motivazione del divieto.

Un portavoce del commissario irlandese per la protezione dei dati ha detto: “Stiamo seguendo l'autorità di regolamentazione italiana. Ci coordineremo con tutte le autorità di protezione dei dati dell'UE in relazione a questo problema.

In Svezia e in Spagna i garanti della privacy non sembrano invece allarmati da ChatGPT, dato che nella nazione scandinava per il momento non hanno in programma di vietare il chatbot, mentre nella penisola iberica il regolatore spagnolo ha detto di non aver ricevuto alcun reclamo su ChatGPT, sebbene non abbia escluso un’indagine futura.

La Germania invece sembra più agguerrita, dato che il commissario tedesco per la protezione dei dati ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt che potrebbe seguire le orme dell'Italia bloccando ChatGPT per problemi di sicurezza dei dati.

Raccolta illecita di dati personali, nessuna informativa e un'assenza di verifiche sull'età dei minori. Con queste principali motivazioni, il Garante della privacy ha disposto lo "stop a ChatGPT", aprendo contestualmente un'istruttoria. Il provvedimento, con effetto immediato, è rivolto a OpenAI, la società statunitense che ha sviluppato e gestisce il software di intelligenza artificiale e in cui Microsoft (società madre di LinkedIn) ha recentemente annunciato nuovi investimenti.
Il Garante lamenta l'assenza di "una base giuridica che giustifichi la raccolta e la conservazione massiccia di dati personali, allo scopo di addestrare gli algoritmi sottesi al funzionamento" del chatbot.
OpenAI dovrà comunicare entro 20 giorni le misure intraprese in attuazione di quanto richiesto, pena una sanzione fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato globale annuo.

Il Garante italiano è la prima autorità a fermare l'algoritmo, unica maniera per continuare ad utilizzarlo è dotarsi di una VPN che assegni un indirizzo IP al di fuori dell'italia oppure utilizzare l'accesso alla rete TOR.

E ora vediamo che succede....

chatGPT

tablet android jumper

Stai cercando un tablet Android da 10.1 pollici di buona qualità e a un prezzo imbattibile??
Non perdere l’offerta che ho trovato per te su Amazon, un tablet del marchio Jumper con il 70% di sconto ancora per poco, una occasione da non lasciarsi scappare!!!

Il tablet in questione è il Jumper EZpad M10S, un dispositivo con il sistema operativo Android 12 (certificazione "Google Mobile Service"),
che ti offre un’esperienza fluida e veloce. Acquistandolo oggi, con Prime puoi già riceverlo già domani!

La scheda tecnica del dispositivo include una memoria RAM da 6 GB e una memoria ROM da 128 GB, puoi anche espandere lo spazio di archiviazione a 256 GB, grazie allo slot per schede TF. Il tablet ti permette di archiviare giochi e opere audiovisive di grandi dimensioni e goderti una qualità sonora e visiva superiore, grazie ai due altoparlanti dal suono fluido senza ostacoli e al chip di amplificazione intelligente.

Il display è di tipo IPS con diagonale da 10.1 pollici e risoluzione FHD 1920 x 1200, combina le tecnologie IPS per darti un colore e una qualità delle immagini superiore, la scocca semi-metallica con struttura leggera lo rende inoltre elegante e confortevole. La batteria è da 6000 mAh e supporta la ricarica rapida a 18 W accompagnandoti per tutta la giornata.

Link al Dispositivo:
Jumper EZpad M10S: https://amzn.to/3nqpD1c

 

E oggi OpsTech fa il "merge" (ovvero la fusione) di hardware simile per recuperare fino all'ultimo pezzo di questi lettori barcode Motorola, e ridare vita all'usato! ReLife your device Now !!! 

hardware maitenance motorola